Visitare Bevagna in bici

Visitare Bevagna in bici

Visitare BevagnaA trenta minuti d’auto da Perugia, Bevagna è una delle bellezze dell’Umbria. In grado di sorprendere per l’incontro tra architettura e paesaggio, il centro è tra i borghi più belli d’Italia. L’architettura e la ricchezza di opere d’arte la rende una tappa irresistibile per un giro in bici alla scoperta delle bellezze dell’Umbria in compagnia di myTour. 

Bevagna, dove l’arte e la storia incontrano la tradizione 

Le antiche origini etrusche del comune si rintracciano nel nome. Prima Mefana, per i Romani il comune divenne Mevania. Intorno al 300 a.C., Livio scrive della battaglia di Mevania. Prima alleata di Roma e successivamente entrata a far parte dello Stato della Chiesa, al 1187 risale la certezza dell’indipendenza come comune di Bevagna.

Le tracce del Medioevo qui si sono conservate nell’architettura degli archi a sesto acuto, nelle finestrelle e nelle cornici, nei fregi in cotto che ricordano il fermento della manualità di bottega dell’epoca. Più di ogni altra cosa, qui si è conservata la manualità di un tempo che rivive nell’arte dei mattonari, nella lavorazione della carta pergamenata e della canapa, la tradizione delle tele realizzate a telaio.

Visitare Bevagna equivale ad immergerti nelle radici della sua urbanistica medioevale che riprende la pianta dell’antica città originaria. Ciò le attribuisce un fascino particolare, a misura d’uomo. 

Cosa vedere a Bevagna: le tappe da non perdere 

Intatta nella sua antica organizzazione, Bevagna vanta una ricca sovrapposizione artistica. Per toccare con mano quanto il concetto sia radicato, si può partire dalla centrale piazza Silvestri. Irregolare nella pianta, rivela la sua impostazione medioevale. Vero fiore all’occhiello tra le piazze d’Italia, qui è semplice cogliere il succedersi dei simboli che ne hanno segnato i tempi.

Il palazzo dei Consoli parla dell’egemonia comunale. Si lascia ammirare dal prospetto in travertino e arenaria, dal doppio ordine di bifore gotiche e dalla loggia. Un sistema costituito da tre chiese si pone a sottolineare il potere ecclesiastico. La Chiesa di San Michele mostra in tutta la sua bellezza la facciata in travertino.

Dall’anima incompiuta, San Silvestro si distingue per la sua facciata in parte costituita da blocchetti in travertino e in parte in pietra del Subasio. La semplicità dell’interno, diviso in tre navate, conquista il visitatore. San Domenico aggiunge bellezza agli altri particolari di questa eccentrica piazza. 

A Bevagna con myTour: il bello di una visita in bici 

La bicicletta è il modo per cogliere del tutto il fascino di questi posti. Con le belle giornate e il clima mite dei luoghi, questo tour ti accompagna alla scoperta della storia e delle tipicità del territorio.

Il paesaggio si distingue per il verde che incontra l’architettura e le tipicità del borgo. Partire da Torre del Colle e varcare le antiche mura cittadine può dare l’impressione di un balzo nella storia di questi posti. Fregi e colonne romane, capitelli corinzi che dominavano un tempo l’antica via Flaminia: a Bevagna questi elementi strutturali si sposano con gli arricchimenti delle altre epoche.

Volgendo lo sguardo verso l’alto, un sistema di torri e bastioni conferma l’anima medioevale della città. Tanto pedalare, si sa, stimola l’appetito. Apprezzare gli aromi del borgo è quasi una conseguenza naturale della sua bellezza. Rinomata per i piatti a base di tartufo, per il pregiato olio d’oliva e per i vini, Bevagna saprà conquistarti anche a tavola. 

Bevagna e dintorni, i luoghi da non perdere 

Foligno UmbriaVisitare il borgo di Bevagna significa anche apprezzare le bellezze del territorio. Perla della Valle Umbra, incastonata tra i dolci rilievi delle colline e la dorsale appenninica, Foligno è la città della Quintana. Il centro offre al suo visitatore l’eleganza della sua architettura e tutta la bellezza dei suoi dipinti. Piccola curiosità: qui nel 1472 fu stampata per la prima volta la Divina Commedia. Città in fermento, questo è il terzo centro per numero di abitanti dopo Perugia e Terni. Il centro storico offre la bellezza della piazza della Repubblica, del palazzo Trinci e delle sue chiese.

Bandiera arancione del Touring Club Italiano, Spello sorge sulle pendici orientali del Monte Subasio, nell’Appennino umbro-marchigiano. Qui la storia parte dagli Umbri e prosegue con Cesare. Tra le tante bellezze da visitare, la Porta Consolare e le Mura augustee.

L’Umbria con myTour ti aspetta! 

Tour in Toscana

Lascia un commento